DE GUSTIBUS

...IV passi nella storia con la Nutrizionista, la Dieta dell'antica Roma

Bisognerebbe proprio avere una biblioteca culinaria in casa! Tra i libri che non dovrebbero assolutamente mancare c'è il “De Gustibus...IV passi nella storia con la Nutrizionista, la Dieta dell'antica Roma”. Se poi a scriverlo è proprio una Nutrizionista, state sicuri che l'ulteriore vantaggio nel leggerlo è che è leggero, non ha calorie, non ingrassa e, come suggerisce il segnalibro contenuto al suo interno: “Si può gustare in un solo boccone!”

Flavia Decima

Albert Einstein affermava: “la logica ti porta da A a B, ma l'immaginazione ti porta ovunque”. Così, seguendo questo principio, l'autrice nel suo libro si trova a viaggiare indietro nel tempo, nella Città Eterna, la Roma del II secolo d.C. trascorrendo un'intera giornata alimentare in compagnia del personaggio immaginario, tale Flavia Decima.

Seguendo le due protagoniste, si potranno scoprire aspetti insoliti della quotidianità gastronomica del tempo restando a volte sorpresi per il fatto che il modo di alimentarsi degli antichi Romani, pur presentando diversità spesso bizzarre, può fornire spunti interessanti per la nostra alimentazione.

Un cibo, il Gladiator, ideato dalla Nutrizionista con gli stessi ingredienti presenti sulla tavola di Flavia Decima, ed una dieta particolare per lei elaborata, conclude questo viaggio a ritroso nel tempo.

È certamente un'insolita lettura che, grazie a inaspettate similitudini tra antico e moderno, curiosità e rivelazioni, farà trascorrere momenti molto piacevoli.

Cover

Perchè dovresti comprarlo?

  • È il nutrimento per la tua mente
  • È dietetico: non ha calorie
  • Non ha controindicazioni
  • Puoi leggerlo ovunque e quando vuoi
  • Puoi fare una scorpacciata di lettura senza ingrassare
  • Puoi regalarlo e personalizzarlo con una dedica
  • Arricchisce le tue conoscenze

Come puoi ordinarlo

Se desideri ordinare il libro inviami una email

indicando una copia o più copie, che si intende acquistare, nonchè destinatario, indirizzo, cap, città, provincia, nazione, telefono. Con l'e-mail di ritorno calcolo tutti i costi incluse le spese di spedizione, allegando le coordinate bancarie su cui procedere per il pagamento.

Il libro è di ottima finitura, contiene all'interno un segnalibro a tema, immagini a colori, è di 112 pagine, rilegatura a filo con copertina lucida e semirigida.

Sfoglia il libro



Anteprima del libro on line

Clicca sulla copertina per sfogliare un estratto del libro.
Buona lettura!


Articolo pubblicato sulla testata on line ilquotidiano.it di Cinzia Carboni
Il “DE GUSTIBUS” della nutrizionista sambenedettese Maria Lucia Gaetani

San Benedetto del Tronto | Si parla tanto di cucina di questi tempi, tutti amano il buon cibo, soprattutto quando è già cotto, servito e gustato in buona compagnia. Cambiano i modi, i tempi, ma non cambia la tradizione del mangiare con gusto.
27/01/2018

Tradizione che per noi italiani è sempre stata di fondamentale importanza e ce ne accorgiamo in particolar modo quando siamo costretti a limitarci. Sarà per questo che pur in presenza di numerosi chili in sovrappeso, cerchiamo di evitare di interpellare professionisti della nutrizione e per lo più ci affidiamo al “fai da te”.
Eppure i nutrizionisti sono medici preparati che hanno le competenze giuste per affrontare questi problemi e trasmetterci le conoscenze utili ad assumere stili alimentari di vita corretti. Quelli che oltre a fare il loro lavoro riescono a non perdere la passione per la materia sono come sempre i migliori.
Ho conosciuto la dott.ssa Maria Lucia Gaetani qualche anno fa in occasione della pubblicazione del libro edito per l'ass. cult. I Luoghi della Scrittura che si intitolava “Racconti con gusto”. Simpatica, graziosa, brillante, mi raccontò del suo interesse letterario nei confronti del cibo a corollario di una grande passione con la quale portava avanti il suo lavoro di nutrizionista.
Quando qualche settimana fa mi ha chiesto qualche consiglio per la pubblicazione di un libro, questa volta scritto da lei e poi mi ha fatto omaggio di una copia, sono stata ben felice di leggerlo e di sapere che questo suo progetto era già stato apprezzato e premiato allo scorso Expo di Milano. Già, perché la dottoressa Gaetani è riuscita a parlare di nutrizione da un punto di vista culturale con la leggerezza di chi conosce talmente bene la materia da potersi permettere di catapultarti e coinvolgerti nella storia con la massima semplicità. Il libro si chiama “DE GUSTIBUS la dieta dell'antica Roma... IV passi nella Storia con la Nutrizionista” e la grande idea che le ha fatto vincere il concorso all'Expo è stata quella di ideare un'elegante borsetta, con al suo interno il libro “De Gustibus”, da fornire ai turisti interessati alla cultura alimentare dei nostri luoghi nazionali più belli. Il progetto della Roman Bag e del libro é partito ambientato nell'antica Roma (ma potrà essere esteso ad altre città) con una guida locale di nome Flavia Decima che conduce il lettore a curiosare negli usi e costumi alimentari dei romani nei primi secoli d.c. I cibi, le cotture, la conservazione, le ricette, le spezie, gli usi e i costumi dei nostri avi a tavola e tante tante curiosità.
Citazioni da famosi testi classici dell'epoca e nomi di cibi latini stuzzicano la voglia di conoscere le origini delle preparazioni che, con qualche rielaborazione portiamo a tavola anche noi. Gli antichi romani non avevano tutte le comodità di oggi per conservare e preparare i cibi, però sapevano ingegnarsi e gli chef dell'epoca erano capaci di presentare piatti di grande attrattiva scenografica.
Naturalmente, nel racconto, la nostra nutrizionista non manca di segnalare che anche allora, soprattutto nelle classi più agiate, esisteva già il problema del sovrappeso e ci fornisce ricette e consigli per far buon uso delle esperienze passate. Di curiosità ne trovate tante ma lascia alquanto perplessi sapere che i gladiatori non erano così asciutti e muscolosi come ci ha sempre mostrato il cinema, mangiavano poca carne e molta verdura e avevano bisogno di uno spesso strato di ciccia per ammortizzare botte e ferite da taglio. Si potrebbe concludere in bellezza con un buon bicchiere di vino, ma se dai romani del tempo questa bevanda era comunque molto apprezzata, a noi credo farebbe ribrezzo, pensate che per renderla piacevole al palato (la vinificazione era alquanto rudimentale) venivano aggiunte acqua di mare, aceto, miele e aromi vari.
È sempre il caso di dire “De gustibus...


Cicli stagionali dell'orto

Ho volutamente evitato di classificare frutta e verdura in categorie, dividendole semplicemente come vegetali primaverili, estivi, autunnali ed invernali in quanto parti di piante erbacee mangiate dagli esseri umani, intere o in parte.

Details»

Roman Bag

La Roman Bag unisce in un unico progetto rivolto al turista che visita il nostro paese i tre punti forza, eccellenze degli italiani: alimentazione, arte e cultura.

Details»

Come posso aiutarti?

Chi mi chiede una consulenza nutrizionale, deve sapere che l'obiettivo da raggiungere insieme non è soltanto quello di perdere peso, ma soprattutto quello di IMPARARE A MANGIARE CORRETTAMENTE...

Details»